morbo di Crohn


Il morbo di Crohn è un’infiammazione cronica del tratto gastrointestinale che può colpire anche le articolazioni, i reni, il fegato e i condotti biliari, nonché la cute e gli occhi. Le manifestazioni perianali di questa malattia provocano intenso dolore e sono fortemente resistenti ai farmaci.
La terapia convenzionale di questa malattia può solo reprimere le crisi infiammatorie e alleviare il dolore. I farmaci prescritti in genere contengono ormoni steroidi che spesso inducono effetti collaterali indesiderati. Sfortunatamente neppure la chirurgia può curare con successo la malattia di Crohn.

Recenti studi sulla malattia di Crohn hanno indicato che l’ossigeno prescritto a alte pressione in brevi sedute nella camera iperbarica sono vantaggiosi per il trattamento delle complicazioni perianali della malattia di Crohn. Tale trattamento, tuttavia, è molto costoso e non facilmente accessibile a tutti questi pazienti.
È stata esaminata l’ipotesi che un trattamento analogo potesse essere prescritto al Mar Morto. L’idea si basava sul fatto che il Mar Morto si trova a 400 m sotto il livello del mare con un’elevata pressione atmosferica che produce aria arricchita di ossigeno.

Sei pazienti con la malattia di Crohn sono stati selezionati per partecipare a uno studio al Mar Morto per un periodo di 1 - 3 settimane. Sono stati consigliati in merito alla dieta, all’attività fisica, all’esposizione al sole e ai bagni. Quattro dei pazienti avevano disturbi perianali e cinque presentavano disturbi attivi.


Risultati:

  • Sintomi generali migliorati entro una settimana di trattamento e indice di attività notevolmente ridotto.
  • La somministrazione di farmaci è stata ridotta e in alcuni casi completamente sospesa.
  • Il maggior senso di benessere indicava elevati livelli di energia, migliore appetito e aumento di peso
  • La malattia di Crohn è migliorata rapidamente, mentre la guarigione del disturbo perianale è stato più graduale.
  • Una completa guarigione del disturbo perianale è stata ottenuta mediante bagni nel Mar Morto

Lo studio evidenzia chiaramente che i pazienti affetti da malattia di Crohn attiva possono beneficiare del trattamento associato del Mar Morto e che l’effetto benefico probabilmente è dovuto alla maggiore pressione di ossigeno nell’aria.